Friday, December 06, 2019    Register  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
 I DIPARTIMENTI Minimize

Con il termine DIPARTIMENTO DISCIPLINARE si indica l'organismo formato dai docenti di una medesima disciplina o di un‘Area disciplinare, che ha il

compito di :

  • concordare scelte comuni circa il valore formativo e le scelte didattico metodologiche di un preciso sapere disciplinare.
  • comunicare ai docenti le iniziative proposte da Enti esterni, Associazioni, dal MIUR, da altre istituzioni,
  • programmare attività di formazione e aggiornamento in servizio, acquisti finalizzati alle attività previste nel POF,
  • stage, viaggi e uscite didattiche.

Compiti dei dipartimenti disciplinari

  • Definizione del valore formativo della disciplina
  • Definizione degli standard minimi richiesti a livello di conoscenzee competenze
  • Definizione dei contenuti imprescindibili della materia, da scandire all'interno del curriculum
  • Definizione delle modalità attuative del piano di lavoro disciplinare
  • Eventuali riunioni di coordinamento per la definizione di prove comuni
  • Progettazione di interventi di recupero
  • Riunione di coordinamento per l'eventuale adozione di libri di testo comuni a più sezioni e acquisti materiale .

IL COLLEGIO DEI DOCENTI È CHIAMATO AD EFFETTUARE SCELTE STRATEGICHE

  • La valorizzazione della professionalità intesa come COMUNITA’ di professionisti
  •   La professionalità personale si colloca in una dimensione unitaria che dà identità autentica ad una scuola
  •   Si passa dalla semplice collaborazione ad una più complessa cooperazione

 

La cultura della progettazione fa crescere la dimensione

collegiale e dà identità professionale alla scuola.

Il lavoro di ogni Dipartimento è finalizzato a studiare e

costruire operativamente :

  • il curricolo disciplinare dalla dimensione generale agli aspetti operativi, dell’insegnamento/apprendimento;
  • analizzare e condividere i saperi essenziali, cioè i saperi fondamentali nella struttura della disciplina e contemporaneamente adeguati alle capacità cognitive degli alunni nelle diverse età;
  • progettare percorsi operativi individuando le attività concretamente da realizzare con gli studenti sulla base dei bisogni impliciti ed espliciti;
  • condividere e scegliere i “materiali- supporti” didattici più opportuni;
  • raccogliere la memoria del lavoro svolto, in particolare le piste di lavoro ritenute più significative per creare un centro di documentazione e ricerca didattica della Scuola (best pratics);
  • dare valore agli ambienti in cui si apprende impegnandosi per renderli efficaci (strumentazioni necessarie) in coerenza con quanto esplicitato nell’ offerta formativa.

 LE RIUNIONI DI DIPARTIMENTO

 Sono convocate almeno in quattro momenti dell’anno scolastico:

  • Prima dell’inizio delle attività didattiche (inizi Settembre) per concordare le linee generali della programmazione annuale alla quale dovranno riferirsi i singoli docenti nella stesura della propria programmazione individuale.
  •   All’inizio dell’a.s. ( fine Settembre) per concordare l’organizzazione generale del Dipartimento ( funzionamento dei laboratori e/o aule speciali, ruolo degli assistenti tecnici, acquisti vari, ecc…), proporre Progetti da inserire nel P.O.F. da realizzare e/o sostenere.
  • Al termine del primo quadrimestre (inizio Febbraio) per "fare il punto della situazione", monitorare e valutare l’andamento delle varie attività ed apportare eventuali correttivi.
  • Prima della scelta dei libri di testo (fine Aprile-Maggio) per dare indicazioni sulle proposte degli stessi.

Ogni DIPARTIMENTO dispone di:

  • Un Docente responsabile di Dipartimento proposto dai Docenti che lo compongono e nominato dal Collegio annualmente.
  • Una propria sede all'interno dell'Istituto ( ufficio di Dipartimento)
  •   Laboratori e/o aule speciali in cui prestano servizio gli Assistenti Tecnici. ( assegnati ai Dipartimenti in base alla loro mansione specifica)

 

 


Syndicate   Print